Conservativa ed Endodonzia

Terapia conservativa: la cura e la prevenzione della carie dentale.

La terapia della carie consiste nella pulizia della cavità, eliminando solo il tessuto dentale malato. La cavità viene poi ricostruita con materiale composito o, nei casi di maggiore estensione, con un intarsio dello stesso colore del dente. Salvo nei casi di carie molto piccole, è necessario praticare l’anestesia locale, che facciamo precedere da una preanestesia spray, in modo che il pazienta non avverta la puntura dell’ago.

Anche le abrasioni dei “colletti” dei denti – cioè, la zona dove il dente entra nella gengiva per proseguire con la radice – sono ricostruibili con materiali compositi e con tecnica adesiva, cioè senza limare il dente e quindi senza anestesia.

Questa procedura è particolarmente indicata per il trattamento dell’ipersensibilità dentaria dovuta ad abrasione della dentina nella zona del colletto e per prevenire un ulteriore danno alla struttura della radice dentale.

Terapia endodontica

Conosciuta anche come “devitalizzazione del dente”, è la terapia a cui si ricorre quando la cavità cariosa ha compromesso la vitalità del nervo e della polpa dentale. Questo può accadere quando la carie, avvicinandosi alla polpa, infiamma il nervo creando al paziente un dolore acuto, persistente, che non regredisce con i comuni analgesici antiinfiammatori: è il classico “mal di denti” definito come “pulpite”.
Può anche accadere che la polpa dentale vada in necrosi lentamente, senza dare dolore acuto, in tal caso si instaura un processo reattivo cronico che dà luogo alla lesione periapicale conosciuta come “granuloma”.

In cosa consiste la terapia endodontica

La terapia consiste in entrambi i casi nel pulire accuratamente il canale, sito all’interno della radice, sagomarlo, disinfettarlo e chiuderlo ermeticamente con sostanze apposite. Dobbiamo anche ricordare di solito che nei denti incisivi e canini vi è un solo canale radicolare da trattare, mentre nei premolari si hanno spesso 2 canali e nei molari 3 o 4 canali.

È questo il motivo per cui la cura canalare, se fatta bene, richiede tempo e professionalità. Se non è fatta bene si hanno spesso reazioni croniche, a volte asintomatiche (le lesioni periapicali: “granulomi”), che possono però dare origini a cisti e ad ascessi. Tali lesioni periapicali “silenti” possono essere diagnosticate con una radiografia endorale o panoramica.

Prenota la tua prima visita GRATUITA!

Lascia i tuoi dati e verrai immediatamente contattato dalla nostra segreteria.

Telefono

Tel. 06 8272228
Tel. 06 64502552
Tel. 351 55433358

Indirizzo

Via Emilio de Marchi, 28
00141 Roma

Email

info@studiodentisticocannata.it

Seguimi su